Giappone, Abe lancia piano da circa 1000 miliardi di dollari

f86550df45754fe6a49251998c9b13f5_18

Shinzo Abe lancia un piano di stimoli da 990 miliardi di dollari e si appresta a dichiarare lo Stato di Emergenza per Tokyo e altre 6 Prefetture dell’arcipelago nipponico.

Durante un discorso alla Nazione trasmesso dai canali di informazione, il Primo Ministro giapponese ha fatto appello alla calma dei propri cittadini anticipando la possibilità che nella giornata di domani venga dichiarato formalmente lo Stato di Emergenza.

L’emergenza, che durerebbe un mese ma che potrebbe essere estesa fino a sei mesi, concederebbe ai governatori delle prefetture interessate il potere di richiedere ai cittadini di rimanere a casa e di chiudere negozi ed imprese.

Tuttavia, secondo le prime indiscrezioni, le misure potrebbero essere molto più leggere rispetto ai lockdown in atto in altri paesi. Il governo giapponese infatti nella fase iniziale preferirebbe fare affidamento al rispetto verso l’autorità e alla pressione morale di tale appello.

L’annuncio del possibile Stato d’Emergenza è stato accompagnato da quello di un pacchetto di stimoli per sostenere l’economia in questo momento delicato. Sebbene non siano ancora noti tutti i dettagli, la cifra totale delle misure in cantiere si aggirerebbe sui 1000 miliardi di dollari.

Nato a Catania nel 1994, mi sono laureato in Relazioni internazionali e Business Management presso il King's College di Aberdeen in Scozia.

Da sempre appassionato di Geopolitica, Diplomazia, Storia ed Intelligence. Insieme ad Alberto e Riccardo ho avuto il piacere di seguire per Election Day gli eventi elettorali più importanti degli ultimi 5 anni, alcuni dei quali sono convinto, ridisegneranno gli equilibri politici dei prossimi 100.

Se acquisti su Amazon (frequentemente o sporadicamente), puoi aiutare Election Day accedendo al popolare sito di e-commerce cliccando sul banner riportato di seguito

. Tu pagherai lo stesso importo per l’oggetto che intendi acquistare, Election Day potrà contare su una piccola (ma importante) percentuale sulla somma spesa a titolo di commissione.