Il centrodestra all’assalto delle Marche

105623738_4064662220271059_8986762558502103503_o-1200x675

Una sfida al limite dell’ordinario attende il centrosinistra, quella di mantenere la Regione Marche.

Da sempre governata dal centro-sinistra, prima quello organico della Prima Repubblica (DC-PSI-PSDI-PRI) e poi l’attuale nelle svariete coalizione susseguitesi, “rischia” stavolta di cambiare colore.

Colore tendente al blu, quello più scuro per intendersi. Perchè il centrodestra è in netto vantaggio nelle ultime rilevazioni e a capo della coalizione c’è Francesco Acquaroli, ex Sindaco di Potenza Picena e deputato di Fratelli d’Italia, già candidato nel 2015.

Dall’altra parte il PD, in qualità di guida dello schieramento di centrosinistra, sceglie di non candidare il governatore uscente Luca Ceriscioli e puntare tutto sul sindaco di Senigallia Maurizio Mangialardi.

I candidati e le liste a loro sostegno

  • Francesco Acquaroli – Fdi, Lega, Forza Italia, UDC , Civici con Acquaroli, Movimento per le Marche

 

  • Maurizio Mangialardi – Partito Democratico, IV-PSI-Demos-Civici Marche, Marche Coraggiose (Art.1-Italia in Comune-dissidenti M5S), Le nostre Marche e il Centro, Rinasci Marche (+Europa, civici, Verdi), Lista Mangialardi Presidente

 

  • Gian-Mario Mercorelli – Movimento 5 Stelle

 

  • Roberto Mancini – Dipende da Noi (Sinistra Italiana-Rifondazione Comunista)

 

  • Fabio Pasquinelli – Comunista! (Partito Comunista-PCI)

 

  • Anna Rita Iannetti – Movimento 3V

 

  • Sabrina Paola Banzato – Vox Italia

 

  • Alessandra Contigiani – FSI/Riconquistare l’Italia (non presente nella circoscrizione di Ancona)

 

La legge elettorale

Datata 2015, la normativa in vigore per questa tornata prevede l’elezione diretta a Presidente per il candidato che riesce a ottenere anche un solo voto in più rispetto ai suoi avversari e l’elezione dei consiglieri regionali con metodo proporzionale.

Per garantire la governabilità, al candidato vincitore verrà assegnato un premio di maggioranza pari a 16 seggi con una percentuale tra il 34% e il 37%, 17 seggi tra il 37% e il 40% e 18 seggi se oltre il 40%. Per poter accedere alla ripartizione dei seggi, una coalizione deve superare la soglia di sbarramento del 5% eccezion fatta se un gruppo di liste che la compongono abbia preso almeno il 3% a livello regionale.

Ogni circoscrizione (corrispondenti alle cinque province) concorrerà all’elezione dei 30 consiglieri in forza di un numero stabilito in base alla popolazione.

  • Ancona – 9 seggi
  • Pesaro – 7 seggi
  • Macerata – 6 seggi
  • Ascoli – 4 seggi
  • Fermo – 4 seggi

Sono esprimibili fino a due preferenze purchè di sesso opposto. Non è ammesso il voto disgiunto.

Cosa dicono gli ultimi sondaggi

 

Nato nel 1997, studio Giurisprudenza all’Università Federico II di Napoli.

Cresciuto col dogma “il sapiente è colui che sa di non sapere”, amo acculturarmi di tutto ciò che mi capiti sotto mano.
Pallino di storia, politica, comunicazione e trading azionario.

Se acquisti su Amazon (frequentemente o sporadicamente), puoi aiutare Election Day accedendo al popolare sito di e-commerce cliccando sul banner riportato di seguito

. Tu pagherai lo stesso importo per l’oggetto che intendi acquistare, Election Day potrà contare su una piccola (ma importante) percentuale sulla somma spesa a titolo di commissione.