In Puglia un patto M5S-PD che delude e fa piangere

5e9ab0e5250000490beafdac

Puglia – l’accordo politico in Consiglio regionale, alla prima seduta, sembra cosa fatta. Un’intesa che conferma l’unità giallorossa anche a livello locale, anche se la fumata bianca si concretizza all’interno di un sentiment, quello pentastellato, pregno di perplessità, rabbia e… lacrime.

Come stanno le cose

È attraverso alcuni dei suoi consiglieri regionali eletti che il M5S, dopo giorni riflessioni e interlocuzioni con il governatore Michele Emiliano, e con il beneplacito del capo politico Vito Crimi, ha concordato il proprio ingresso nella maggioranza di centrosinistra.
Tutti hanno scelto l’intesa” ha dichiarato i governatore, che si mostra felice e orgoglioso del risultato cui da tempo ribadiva la necessità. Del tutto contraria la posizione della consigliera, anch’essa eletta, nonché ex competitor elettorale Antonella Laricchia, che ha fatto del rifiuto netto ad ogni ipotesi di “inciucio” con il Partito Democratico uno dei suoi cavalli di battaglia.
E’ sulla base di queste valutazioni che, al termine della votazione con scrutinio segreto che ha confermato la nomina di Loredana Capone (Dem) a presidente del Consiglio regionale e ha consegnato Cristian Casili (5S) al ruolo di vicepresidente, l’aria all’interno della seduta ha iniziato a farsi pesante.

L’intervento

La consigliera Laricchia, intervenendo durante la seduta, e in diretta streaming, ha espresso tutto il suo disappunto per quello che a suo dire è un “tradimento della volontà elettorale dei cittadini”. Queste le sue parole, cui hanno fatto seguito lacrime di amarezza:

 

Nella giornata di ieri, intanto, il capo politico reggente Vito Crimi ha provato a smussare le polemiche attraverso un post su Facebook, in cui ha dichiarato: “Il M5S non è entrato nella nuova giunta guidata da Michele Emiliano e non fa parte delle forze che governano la Regione”. Poi, con riferimento alla collega pentastellata – ha proseguito – “invece di puntare il dito e parlare di tradimento, cerchiamo di lavorare nell’interesse dei cittadini”.
Spetterà dunque agli attivisti esprimersi in ultima istanza: “in Rousseau veritas”.

Classe 1997. Laureato in Scienze Politiche, Relazioni Internazionali e Studi Europei all'Università degli studi di Bari, attualmente frequento una LM in Investigazione, Criminalità e Sicurezza Internazionale presso la UNINT di Roma.
Da sempre interessato alle dinamiche politiche, nutro forte interesse verso argomenti quali Immigrazione, Democrazia e Diritti Umani.

Se acquisti su Amazon (frequentemente o sporadicamente), puoi aiutare Election Day accedendo al popolare sito di e-commerce cliccando sul banner riportato di seguito

. Tu pagherai lo stesso importo per l’oggetto che intendi acquistare, Election Day potrà contare su una piccola (ma importante) percentuale sulla somma spesa a titolo di commissione.