La Cina in soccorso dei Paesi in via di sviluppo

Chinese President Xi Jinping speaks next to South African President Cyril Ramaphosa during the 2018 Beijing Summit Of The Forum On China-Africa Cooperation - Round Table Conference at at the Great Hall of the People in Beijing on September 4, 2018 in Beijing, China. Lintao Zhang/Pool via REUTERS *** Local Caption *** Xi Jinping;Cyril Ramaphosa - RC1A54A93A00

Tra i paesi del G20 la Cina è quello che ha concesso la maggiore riduzione del debito ai Paesi in via di sviluppo. L’importo complessivo è di 2,1 miliardi di dollari, come riportato dal ministro delle finanze della Repubblica Popolare Liu Kun.

Ad aprile il G20 aveva emanato la Debt Service Suspension Initiative (DSSI) per sospendere il servizio del debito dei 73 paesi più poveri del pianeta, per lo più africani.  La recrudescenza dell’epidemia crea la necessità di nuovi interventi a più lungo respiro. L’obiettivo è scongiurare una nuova crisi del debito sovrano e mantenere un buon livello di investimenti. Le prime 20 economie si sono impegnate a soccorrere quelle più povere almeno fino a metà 2021, ma non escludono una proroga di ulteriori 6 mesi.

Pechino, in qualità di creditore bilaterale ufficiale, ha sospeso il servizio del debito a 23 paesi, per una cifra di 1,3 miliardi di dollari, tramite la China International Development Cooperation Agency e la Export-Import Bank of China. 

Inoltre, la China Development Bank, in qualità di creditore commerciale, ha firmato accordi con i Paesi in via di sviluppo per più di 700 milioni di dollari nel mese di settembre.

Cifre consistenti, ma piccole se paragonate al totale dei debiti che la Nazione detiene verso i paesi più poveri. Secondo la Banca mondiale a fine 2019 su 178 miliardi di dollari di debiti bilaterali totali, ben il 63% vede come creditore Pechino, per circa 112 miliardi.

Nel 2021 un terzo del servizio del debito pubblico delle nazioni dell’Africa subsahariana, tra le più povere del pianeta, andrà nelle tasche cinesi.

Il Ministro delle finanze ha sottolineato come la Cina è pronta a mettere in campo nuovi interventi, sopratutto verso quei paesi che subiranno maggiori impatti dalla pandemia. Un impegno in questo senso si ha con la promessa di fornire i vaccini per il COVID-19 ai paesi meno sviluppati.

Infine, se la Banca mondiale deciderà di creare una struttura multilaterale di cancellazione del debito, la Cina non esclude di contribuire con proprie donazioni, parola di Liu Kun.

Ligure dal 1997. Laureato in Banca Finanza e Mercati finanziari a Pisa nel 2019, oggi studia Finanza aziendale e Mercati finanziari presso l'Università di Torino. Appassionato di sci, politica e attualità.

Se acquisti su Amazon (frequentemente o sporadicamente), puoi aiutare Election Day accedendo al popolare sito di e-commerce cliccando sul banner riportato di seguito

. Tu pagherai lo stesso importo per l’oggetto che intendi acquistare, Election Day potrà contare su una piccola (ma importante) percentuale sulla somma spesa a titolo di commissione.