ONU:”Nuova svolta nelle mediazioni con la Libia”

image1170x530cropped

 Una fase di transizione democratica è iniziata in Libia nel 2011, ponendo fine a una dittatura durata quarantadue anni. Dopo il successo delle prime elezioni del 7 luglio 2012, che si sono svolte in buone condizioni, è stato formato un Congresso Generale Nazionale. Il processo di transizione si è arenato nel 2014 a causa della polarizzazione tra gli islamisti e il resto del campo politico.

Un processo di riconciliazione è stato avviato attraverso la mediazione del rappresentante speciale del segretario generale dell’ONU (SRSG) lanciato nel settembre 2014. Questi sforzi hanno portato alla firma dell’accordo politico tra i rappresentanti delle parti libiche il 17 dicembre 2015 a Skhirat, in Marocco. La comunità internazionale ha approvato questo accordo attraverso la risoluzione 2259 (2015), che è stata approvata all’unanimità.

Questo processo di modifica di Skhirat è stato interrotto dall’offensiva dell’esercito nazionale libico (ANL, Est) su Tripoli il 4 aprile 2019. La comunità internazionale si è mobilitata per porre fine alle ostilità. La conferenza di Berlino si è tenuta il 19 gennaio 2020. Le sue conclusioni erano basate su sei priorità: cessate il fuoco, embargo sulle armi, processo politico, segmento economico, segmento sicurezza, misure umanitarie. Tuttavia, l’interferenza straniera, in particolare della Turchia e della Russia, ha prolungato le ostilità. Il sostegno militare turco agli islamisti, che si è intensificato dal gennaio 2020, ha invertito l’equilibrio di potere a favore dell’Occidente, portando a un congelamento della linea del fronte nella regione di Sirte dal giugno 2020.

I negoziati diretti tra le parti sono ripresi sotto l’egida delle Nazioni Unite. Un accordo di cessate il fuoco è stato firmato il 23 ottobre 2020 e il forum di mediazione è continuato nei mesi successivi

Il nuovo accordo

Il rappresentante speciale ad interim del segretario generale dell’ONU per la Libia, Stephanie Williams, ha annunciato  che è stato raggiunto un accordo all’interno della commissione di dialogo politico sui meccanismi di scelta del nuovo potere esecutivo in Libia. Parigi e i paesi europei hanno espresso la loro soddisfazione nel vedere i libici avanzare nel processo di riconciliazione. Tuttavia, diverse voci continuano a dubitare dell’affidabilità di questo compromesso.

Dopo cinque mesi di negoziati, fu raggiunto un compromesso secondo il quale ogni provincia libica avrebbe scelto da sola i propri rappresentanti, all’interno del Consiglio presidenziale o a capo del governo, a condizione che ci fosse il 70% dei voti a favore di questa scelta in ogni provincia.  Se la quota c’è, il Consiglio Presidenziale sarà formato dalle persone scelte da ogni provincia. In mancanza di tale scelta, blocchi di quattro nomi saranno presentati alla Commissione del Dialogo Nazionale. Per poter votare, ogni blocco deve avere il sostegno di almeno 17 membri, 8 dalla Tripolitania, 6 dalla Cirenaica e 3 dal Fezzan.

Una maggioranza del 60% è necessaria per avere successo. In assenza di un vincitore, un 2° turno si oppone ai primi due, con una maggioranza semplice del 51%. Questo accordo ha suscitato la riluttanza dei libici dell’est e dell’ovest. Così, la forza di protezione di Tripoli e della zona occidentale, formata dai principali gruppi armati della capitale, ha dichiarato la sua opposizione all’accordo raggiunto.

La forza ha inviato una corrispondenza al segretario generale dell’ONU, agli ambasciatori dei membri permanenti del Consiglio di Sicurezza e dei paesi coinvolti nel dossier libico, per protestare contro “le deviazioni di Stephanie Williams“. Da parte sua, il giudice Jamel Bennour, ex presidente del Consiglio regionale di Bengasi nel 2012-13, ritiene che “qualsiasi accordo non ha senso se non c’è intesa sulle questioni militari e sull’autorità suprema dell’esercito”. Bennour ricorda che “la proposta di nominare Aguila a capo del Consiglio Supremo di Stato garantisce ad Haftar il comando generale dell’esercito ed è questo che disturba i militari in Occidente”.

 

Processo costituzionale

Le Nazioni Unite hanno messo in moto diversi processi per risolvere la crisi libica. Così, sotto lo stesso accordo politico, la Commissione costituzionale Libica, riunita martedì 19 gennaio a Ghardaka, in Egitto, nell’ambito del processo costituzionale, ha raggiunto un consenso tra i suoi 28 membri, 14 della Camera dei deputati e 14 del Consiglio di Stato, sull’organizzazione di un referendum sulla copia del progetto di Costituzione, elaborato dall’Assemblea costituente libica. I membri del comitato hanno deciso di finalizzare il loro accordo nella loro riunione, prevista dal 9 all’11 febbraio. Una volta finalizzato, l’accordo sarà trasmesso alla Camera dei Deputati e al Consiglio Supremo di Stato per la convalida. Sarà anche trasmessa alla delegazione dell’ONU per il supporto logistico.

Anche la Commissione Elettorale sarà coinvolta, poiché realizzerà il referendum entro il termine stabilito dalla Commissione. Quindi, per tenere le elezioni il 24 dicembre 2021 in Libia, è imperativo tenere un referendum sulla Costituzione, o anche escogitare una sorta di organizzazione provvisoria dei poteri. Tuttavia, ci sono domande legittime sulle elezioni nazionali in un paese in cui le strade sono interrotte e i gruppi armati dominano ancora.

Sono uno studente di Giurisprudenza disperso per Milano. Appassionato di politica, scienze sociali e letteratura. Scrittore a tempo perduto.

Se acquisti su Amazon (frequentemente o sporadicamente), puoi aiutare Election Day accedendo al popolare sito di e-commerce cliccando sul banner riportato di seguito

. Tu pagherai lo stesso importo per l’oggetto che intendi acquistare, Election Day potrà contare su una piccola (ma importante) percentuale sulla somma spesa a titolo di commissione.