Palestina, il Movimento per il Jihad Islamico si presenta alle elezioni per il Consiglio Nazionale

mohammed_al_hindi

Ricostruzione. Potremmo così definire lo spirito che riflette oggi l’atmosfera politica interna in Palestina.

Risale a qualche settimana fa l’accordo di riconciliazione tra Hamas e Fatah, il quale promette la convocazione delle elezioni parlamentari, presidenziali e per il Consiglio Nazionale entro sei mesi.

Dopo circa quindici anni di scontri, le due fazioni palestinesi sono riuscite a ristabilire un dialogo politico che si pone come obiettivo nuove elezioni secondo un meccanismo di rappresentanza proporzionale. Anche gli altri partiti e movimenti islamici hanno accolto favorevolmente questa proposta, a tal punto che alcuni di questi si sono dichiarati pronti a partecipare alle elezioni.

Il Movimento per il Jihad Islamico, attraverso l’annuncio di uno dei capi politici, Mohammed al-Hindi, ha palesato infatti la propria intenzione di voler correre alle elezioni per il Consiglio Nazionale Palestinese, l’organo legislativo dell’OLP.

La necessità di una forte unità nazionale in chiave anti-israeliana è considerata di vitale importanza per gli organi del Movimento Islamico. Lo stesso leader del Movimento Nafiz Azzam, in un’intervista ad Al-Jazeera, ha dichiarato che l’accordo tra Hamas e Fatah è un passaggio fondamentale per il futuro del paese. Questo sopratutto alla luce delle nuove manovre che Israele sta adottando con gli altri paesi della regione araba, cercando di normalizzare i rapporti diplomatici per isolare la causa palestinese anche a livello internazionale.

Il gruppo radicale, fondato negli anni settanta nella Striscia di Gaza, si pone come obiettivo strategico l’annientamento della occupazione israeliana e la creazione di uno stato islamico palestinese. Rinnega inoltre gli accordi di Pace di Oslo siglati tra Israele e l’OLP.

Appassionato di cooperazione internazionale e sviluppo, ho collaborato con alcune ONG italiane in Italia e in Medio Oriente. Convinto federalista europeo, seguo da vicine le tematiche comunitarie.

Se acquisti su Amazon (frequentemente o sporadicamente), puoi aiutare Election Day accedendo al popolare sito di e-commerce cliccando sul banner riportato di seguito

. Tu pagherai lo stesso importo per l’oggetto che intendi acquistare, Election Day potrà contare su una piccola (ma importante) percentuale sulla somma spesa a titolo di commissione.