Parigi al voto per le elezioni comunali: chi conquisterà l’Hotel de Ville?

Mairie_Paris_hotel_de_ville_visit_tourism

È la città che sarà esaminata da tutti gli osservatori della vita politica la sera di domenica 15 marzo (il secondo turno si terrà la domenica successiva). Parigi è ovviamente la città simbolo che ogni partito politico sogna di vincere. Quasi sempre a destra, la capitale è passata a sinistra nel 2001 con Bertrand Delanoë. La sua numero due, Anne Hidalgo, gli è succeduta nel 2014. Una vittoria per la sinistra in una Francia, che in quella tornata elettorale (elezioni comunali), si è ridipinta nei colori del centrodestra.

Con l’arrivo di La République En Marche nel gioco politico, queste elezioni di domenica saranno probabilmente ancora più incerte, anche per il sistema di voto non semplice.

Risultato immagini per hotel de ville paris hidalgo

Al l’Hotel de Ville ci sarà ancora “la piccola Anne”?

Come già precedentemente detto Anne Hidalgo è sindaco da aprile 2014. La prima donna sindaco di Parigi, a volte soprannominata “la piccola ispettore del lavoro”, si è affermata nel suo campo come successore di Bertrand Delanoë. Dopo il ritiro della deputata Jean-Marie Le Guen, la Hidalgo è infatti l’unica a chiedere l’investitura socialista nel 2013.

Ha dovuto convincere i cittadini del fatto di non essere solo l’erede di Delanoë. “Ho preso la mia parte in questo grande risveglio [da Parigi]. Questo non fa di me un’ereditiera”, afferma, a un anno dalle elezioni, in un colloquio incrociato con il suo predecessore. “Vorrei più che mai che Anne fosse diversa da me. Deve godere di totale libertà” dichiarò Delanoë.

Risultato immagini per anne hidalgo delanoe 2003

Per le elezioni comunali del 2020, l’annuncio della sua candidatura è stato tutt’altro che una sorpresa. Prevista per la fine del 2019, è stata infine rinviata a causa della protesta contro la riforma delle pensioni. L’11 gennaio, la prima cittadina di Parigi, che ha anche la cittadinanza spagnola, pone fine alla (falsa) suspense. “Voglio continuare a trasformare Parigi” – in un’intervista a Le Parisien la Hidalgo – “È questa città che amo, che mi appassiona, a cui dedico gran parte della mia vita”. È sotto la bandiera di “Parigi in comune” Anne Hidalgo fa campagna, l’ultima a Parigi promette.

Anne Hidalgo vinse le municipali con il 53,3% dei suffragi contro la sua avversaria di centro-destra, Nathalie Kosciusko-Morizet (43,7%). Essendo Parigi un dipartimento, è anche presidente della commissione permanente del consiglio dipartimentale della capitale.

Risultato immagini per hidalgo natalie kosciuko

 

Cosa rimarrà di questi 6 anni?

La prima cosa che viene in mente quando parliamo del mandato di Anne Hidalgo è la lotta contro i parcheggi in città. In particolare, la pedonalizzazione delle stradine sulla riva destra della capitale, annunciata nell’ottobre 2015, aveva alimentato per molti mesi la cronaca politica, mediatica e giudiziaria, con diversi ricorsi infranti contro questo progetto. Nell’ottobre 2018, la prima donna sindaca di Parigi vinse la battaglia. Il tribunale amministrativo di Parigi giudica legale il secondo decreto di pedonalizzazione degli argini del Municipio di Parigi.

Risultato immagini per lutte contre la place de la voiture dans la ville paris

La sindaca ha affrontato diversi eventi drammatici, tra cui gli attacchi di gennaio e novembre 2015, ma anche l’incendio nella Cattedrale di Notre-Dame a Parigi. A livello più personale, nel settembre 2018, ha perso il suo leale luogotenente, Bruno Julliard, che si è dimesso per i diversi disaccordi politici. “I forti disaccordi sulla politica e sui metodi di governance ci hanno tenuto lontani”, dichiarò. La sindaca socialista è riuscita nell’obbiettivo di ottenere i Giochi Olimpici del 2024.

Risultato immagini per anne hidalgo paris 2024

Altra questione è quella degli alloggi popolari, priorità di Anne Hidalgo nel 2014. Il quotidiano 20 Minutes ricorda che quest’ultima ha fatto costruire 40.000 alloggi sociali (prometteva di costruire 10.000 nuovi alloggi, di cui 7.500 a vocazione sociale all’anno).

Per quanto riguarda il suo bilancio globale, i parigini sono comunque divisi, secondo un sondaggio Ifop per il JDD. Per il 50% degli intervistati, il comune ha compiuto un “buono” (il 43% lo dice) o un “ottimo” lavoro (il 7%). Al contrario, il 32% ritiene che il bilancio sia mediocre e il 18% negativo.

Le critiche contro Anne Hidalgo sono state in particolare sul piano personale, tanto che è stato inventato un termine per designare questo fenomeno: l'”Hidalgo bashing”. Se gli avversari politici di Anne Hidalgo negano di essersi dedicati a questa bashing (denigrazione), denunciano tuttavia il “metodo Hidalgo”. Philippe Goujon, il potente sindaco del 15º arrondissement del partito Les Républicains, la descrive come una sindaca “sfaccettata”, che dà prova di “un certo autoritarismo e di una certa brutalità nelle decisioni”. Pierre Liscia, eletto nel 18° arrondissement, la ritrae come una persona con “molta ideologia”, “che non ha un orientamento” e che “non ascolta nessun altro se non sé stessa”.

La parte della La France Insoumise è altrettanto severa, ma la scelta delle parole è diversa. “Tutta la democrazia partecipativa promossa da Anne Hidalgo si è fatta sulle questioni secondarie e mai sull’essenziale” ha dichiarato a 20 Minutes Danielle Simonnet, unica consigliera di opposizione a sinistra. “Bisogna cambiare paradigma e accettare di creare veri e propri rapporti di forza e contropoteri.”

 

Chi corre verso l’Hotel de Ville della capitale?

Risultato immagini per debat municipales paris

È qui che le cose si complicano. Manca, come del resto a livello nazionale, la tradizionale opposizione tra destra e sinistra. Con l’arrivo del partito di Emmanuel Macron, La République En Marche, le cose si sono complicate, e ancora di più a Parigi.

Iniziamo prima a sinistra. È stato scelto un duo per portare i colori del partito di sinistra “France Insoumise”: l’ex calciatore internazionale Vikash Dhorasoo e la consigliera comunale di Parigi Danielle Simonnet si presenteranno sotto la bandiera “Décidons Paris!”.

Risultato immagini per danielle simonnet et vikash

Per Europe Ecologie-Les Verts, il partito ha designato in giugno David Belliard, capofila del gruppo Europa Ecologia-Les Verts al Consiglio di Parigi, sotto la bandiera “L’écologie pour Paris”.

Da parte di LREM, la campagna si è trasformata in un incubo: il movimento presidenziale ha scelto come candidato nello scorso luglio Benjamin Griveaux, ex-portavoce del governo; ma un altro candidato, il deputato Cédric Villani, si è rifiutato di rinunciare ed ha scelto di mantenere la candidatura. Una situazione che ha creato disordine per mesi e che ha portato il movimento ad escludere il secondo. Senza unità e dopo tutto questo caos, LREM ha punto tutto su Benjamin Grivaux, ma il 14 febbraio, tutto crolla: l’ex ministro annuncia che ritira la sua candidatura dopo la diffusione, su un sito creato dall’attivista russo Piotr Pavlenski, di video e messaggi a carattere sessuale a lui attribuiti. In questo polverone, il partito presidenziale ha dovuto trovarsi un nuovo candidato: Agnes Buzyn, la ministra della sanità, ha finalmente accettato la sfida.

Risultato immagini per agnes buzyn

Gaspard Gantzer, ex consigliere di Francois Hollande, doveva indossare i colori del suo movimento parigino, Parisiens. Ma, il 20 febbraio, ha annunciato che si sarebbe unito alla campagna di Agnes Buzyn, provocando l’ira di alcune delle sue squadre determinate a continuare senza di lui.

Sul fronte di destra, l’ex ministro della Giustizia Rachida Dati indosserà i colori dei repubblicani. Dopo un inizio difficile della campagna, la repubblicana è riuscita a unire la sua famiglia politica intorno a lei, con poche eccezioni. Il partito di Marine Le Pen non proporrà un candidato, ha invece sostenuto la candidatura di Serge Federbusch, avvocato e membro del consiglio municipale nel 10° arrondissement di Parigi. Quest’ultimo non ha escluso di “andare d’accordo” con Rachida Dati nel secondo round.

Risultato immagini per rachida dati paris 2020Risultato immagini per serge federbusch paris

Chi propone cosa?

Anne Hidalgo assicura che la base del suo progetto e del suo programma, “è l’ecologia” ma anche “la solidarietà” e la “costruzione di alloggi”. L’attuale sindaco ha anche promesso di rendere ciclabili tutte le strade di Parigi entro il 2024, se rieletta. Rachida Dati vuole invece “ripristinare l’attrattività di Parigi per le famiglie”, ponendo l’accento sulla sicurezza e la pulizia, di cui promette di riorganizzare i servizi.

Da parte sua, la candidata del LREM non ha ripreso tutte le idee di Benjamin Griveaux, come il trasloco dalla stazione di Parigi Est per creare un “Central Park parigino”. Difende un programma “con una componente sociale e una componente verde più forte” di quello del suo predecessore. Gli assi principali del suo progetto? Sicurezza e pulizia.

Risultato immagini per debat municipales paris

Cédric Villani propone di spostare il traffico internazionale dalla stazione ferroviaria del Nord a Saint-Denis, nella periferia nord. Villani ha l’ambizione di diventare il “primo sindaco ecologista di Parigi”, riducendo le emissioni di carbonio, proteggendo la biodiversità e controllando meglio i rifiuti. Questo piacerà a David Belliard, che desidera “liberare” la capitale delle auto. Come? Costruendo un tram per collegare le stazioni, sviluppando le zone pedonali e le piste ciclabili. I candidati della sinistra propugnano il “rifiuto della polizia municipale” per “la riduzione degli affitti”, “la requisizione degli alloggi vuoti” e “l’estensione degli spazi verdi in piena terra”. Il candidato vicino al partito di Marine Le Pen propone infine di creare delle “ronde cittadine” per rendere sicuri i quartieri, sopprimere le sovvenzioni alle associazioni di aiuto ai migranti e di “riaprire le strade sul ciglio” agli automobilisti.

Risultato immagini per debat municipales paris

 

Chi ha la possibilità di essere eletto?

Anne Hidalgo è quasi sempre in testa ai sondaggi, anche se le stime attuali sono inferiori ai risultati del primo turno del 2014 (34,4%). La sindaca uscente raccoglie intorno al 25% secondo il sondaggio Ipsos/Sopra Steria per Paris Match (26%) del 10 marzo e il 24% in quello di questo mercoledì. Ma Anne Hidalgo deve stare attenta alla sua rivale di destra che ha messo una vera e propria marcia in più: Rachida Dati secondo il sondaggio del 11 marzo  pubblicato da BVA per Europe 1/Orange, raccoglie il 25% delle intenzioni di voto (davanti alla Hidalgo) e il 23% secondo Ipsos. Agnes Buzyn va un po’ meglio del suo “predecessore” Benjamin Griveaux negli ultimi sondaggi. La candidata di LREM è accreditata del 19% dei voti secondo i due sondaggi precedentemente citati. Seguono poi il candidato EELV, David Belliard (12% secondo BVA, 11% secondo Ispos), il matematico Cedric Villani (7% secondo Ipsos e BVA), e la candidata LFI Danielle Simonnet (4,5% secondo Ifop e BVA).

Risultato immagini per sondage municipales paris 2020

 

Si vota per arrondissement, ma cosa cambia in queste elezioni?

Il sistema di voto a Parigi è complesso, come tutti concordano. Come a Lione e Marsiglia, la città è divisa in settori elettorali. Fino ad allora, era abbastanza semplice dal momento che queste aree elettorali corrispondevano ai 20 distretti della capitale. Ma le regole cambiano per le elezioni del 2020: i primi quattro distretti si fondono per diventare il “Centro”. Non ci saranno quindi elezioni a Parigi, ma 17 elezioni, in ciascuno dei municipi e nel “Centro”.

Risultato immagini per systeme de vote municipal paris

Come in tutti i comuni con più di 1.000 abitanti, solo le liste che ottengono almeno il 10% dei voti potranno accedere al secondo turno. Dato il panorama politico di Parigi, questo potrebbe dare origine a triangolari, quadrangolari o (addirittura “pentangolari”!) coalizioni. In tutti i distretti, la lista che ottiene la maggioranza assoluta al primo turno o viene prima al secondo turno vince immediatamente la metà dei seggi. Gli altri seggi sono condivisi proporzionalmente con gli elenchi che hanno superato il 5% dei voti, compreso quello che è arrivato per primo.

Il 22 marzo, i parigini scopriranno i volti dei 527 consiglieri eletti che li rappresenteranno per sei anni. Attenzione, 364 consiglieri siedono solo nel loro arrondissement, gli altri 163 parteciperanno anche al Consiglio di Parigi, dove eleggeranno il sindaco. Anche in questo caso, l’arrivo di LREM e la complessità del quadro politico potrebbero rendere difficile l’elezione del primo cittadino. Questo fa sì che alcuni osservatori politici dicano che in questa elezione potrebbe esserci “un terzo turno”. Il sindaco sarà conosciuto solo dopo negoziati, trattative e alleanze tra le parti.

Risultato immagini per municipal paris

Occhio al matematico…

“In tutta obiettività, se si esaminano tutti gli elementi messi a disposizione dalla candidata: il percorso; la determinazione, messa in gioco da tanti anni; il programma, coordinato con successo; l’esperienza, acquisita in funzioni municipali di alto livello; la preoccupazione dell’interesse pubblico dimostrata dalle azioni passate; la chiarezza del discorso… Se esaminiamo tutto questo, per me tutti gli indizi convergono e il risultato è chiaro: la cosa migliore per questo lavoro è Anne Hidalgo”. Una piccola idea di chi ha pronunciato questa frase? Beh, lo si ritrova alcune righe più in alto: è Cédric Villani. Nel 2014, il matematico non è altro che… il presidente del comitato di Anne Hidalgo! Questo fatto potrebbe essere molto importante in un eventuale impasse.

Risultato immagini per cedric villani

Nato e cresciuto in Sardegna, è studente di Scienze internazionali e diplomatiche presso l'Università di Genova. Ha collaborato con diverse testate giornaliste italiane e esteri (in particolare con testate d'informazione del Belgio), tra cui Corsica Oggi e Geopolitica.info. È un grande appassionato di politica internazionale e delle relazioni euromediterranee.

Se acquisti su Amazon (frequentemente o sporadicamente), puoi aiutare Election Day accedendo al popolare sito di e-commerce cliccando sul banner riportato di seguito

. Tu pagherai lo stesso importo per l’oggetto che intendi acquistare, Election Day potrà contare su una piccola (ma importante) percentuale sulla somma spesa a titolo di commissione.