Polonia, opposizione chiede dimissioni del vice Primo Ministro

36085999_34711422_BZxBZ-scaled

Borys Budka, leader del partito di opposizione liberal-conservatore “Piattaforma Civica”, ha chiesto le dimissioni del Vice Primo Ministro Jacek Sasin, reo di essere il responsabile del governo per l’organizzazione delle elezioni presidenziali che avrebbero dovuto tenersi oggi.

La maggioranza infatti, retta dal partito conservatore PiS, aveva in ogni modo provato nelle scorse settimane provato a tenere comunque le presidenziali nonostante i rischi legati al coronavirus, salvo poi arrendersi e rimandare le elezioni a data da destinarsi lo scorso mercoledì, ad appena 4 giorni dalla tornata elettorale.

“Oggi stiamo avviando il processo di responsabilizzazione di coloro che sono responsabili dell’imbarazzo delle elezioni presidenziali ha affermato Budka, aggiungendo che il suo partito chiederà al parlamento di votare la sfiducia nei confronti del Vice Primo Ministro Jacek Sasin.

Il portavoce del governo Piotr Muller ha invece affermato che il comportamento di Sasin non avrebbe violato il limite della “buona condotta” nella gestione del caso, e che quindi “non ci sono basi per il licenziamento del vice primo ministro”.

Ricordiamo che al momento la data delle prossime elezioni è da stabilire. Si parla del 17 o del 23 Maggio ma è stato lo stesso Sasin ad affermare in un’intervista in radio che la prima finestra si aprirà non prima di Giugno.

Il Presidente della Commissione Elettorale ha sancito che il Presidente del Sejm ha 14 giorni di tempo per dichiarare la nuova data.

Lavoro nel reparto commerciale di un'azienda tech e sono un appassionato di politica.

Vivo a Catania, città dove sono nato nel 1994. Amo viaggiare, leggere, andare al cinema e seguire il calcio.

Se acquisti su Amazon (frequentemente o sporadicamente), puoi aiutare Election Day accedendo al popolare sito di e-commerce cliccando sul banner riportato di seguito

. Tu pagherai lo stesso importo per l’oggetto che intendi acquistare, Election Day potrà contare su una piccola (ma importante) percentuale sulla somma spesa a titolo di commissione.