Presidenziali in Islanda, verso il trionfo del presidente uscente

gudni_forseti003-e1556021380665

In Islanda si sono tenute ieri le elezioni presidenziali. Al voto due candidati: il presidente uscente dell’Islanda Guðni Th. Jóhannsson e Guðmundur Franklín Jónsson. Un recente sondaggio ha mostrato un supporto del 90,5% per Guðni. La corsa “presidenziale” in Islanda si è virtualmente aperta con l’annuncio della ricandidatura del presidente islandese, Guðni Th. Jóhannesson, durante il discorso di Capodanno.

“Ora stiamo raggiungendo la fine del mio mandato di Presidente dell’Islanda”, ha detto il Presidente durante il discorso. “Sono trascorsi più di tre anni, ricchi di eventi memorabili. Quello che viene dopo? Solo il tempo potrà dirlo, ma è opportuno dichiarare che intendo darmi la possibilità di rimanere nella [residenza presidenziale di] Bessastaðir. “

Guðni è stato eletto con ampio sostegno nel giugno 2016. Da allora, ha dimostrato di essere un presidente molto popolare con alti voti di approvazione nel corso del suo mandato, dal 77% all’85% in un dato momento negli ultimi tre anni e cambiare.

Risultato delle precedenti elezioni del 2016



SISTEMA ELETTORALE

From Iceland — Not Everyone Delighted With Presidential Election ...
Il presidente islandese viene eletto con un voto popolare diretto per un mandato di quattro anni. Le elezioni si svolgono in un unico turno. Gli elettori devono indicare un candidato e viene eletto chi ottiene il maggior numero di voti. Il presidente è politicamente quasi impotente, ma tradizionalmente ha sempre esercitato il ruolo di autorità morale e ha rappresentato un simbolo per l’unità nazionale nel paese. Quindi, le elezioni presidenziali non sono sulla base di partiti politici ma piuttosto sulla personalità dei candidati. In particolare, le elezioni presidenziali di solito non sono molto “combattute” quando il presidente in carica desidera ricandidarsi. E’ la prima volta che qualcuno “osa” sfidare il presidente uscente che si ricandida.

Solo i cittadini islandesi di età pari o superiore a 18 anni (al giorno delle elezioni) possono votare alle elezioni presidenziali. I cittadini islandesi che soggiornano legalmente all’estero da più di otto anni devono presentare domanda per iscriversi ai registri elettorali islandesi. Gli elettori devono presentare un valido documento di identità per poter votare. La maggior parte dei seggi elettorali sono aperti dalle 9.00 alle 22.00, ma questo può variare in base al seggio.

SONDAGGI
Einvígi milli Guðna og Guðmundar - Skiluðu inn framboði í dag - DV
In un nuovo sondaggio da Gallup, condotto tra il 11 e il 18 giugno, il 93,5 per cento degli intervistati dichiara che intendono votare per il presidente Guðni Th. Jóhannesson alle elezioni presidenziali di sabato, mentre il 6,5% sostiene Guðmundur Franklín Jónsson. Il supporto per Guðni è aumentato del 3 per cento dall’ultimo sondaggio, pubblicato all’inizio del mese. Guðni gode di maggiore sostegno tra le donne rispetto agli uomini.

Quasi il 98 per cento delle donne lo sostengono e l’89 per cento degli uomini. La dimensione del campione del sondaggio è di 1.589 e il tasso di partecipazione è quasi il 52 per cento. Ci sono circa 250.000 elettori registrati in Islanda, 33.646 persone hanno già votato in anticipo per corrispondenza, sia in Islanda che all’estero.
A causa delle restrizioni sulle riunioni pubbliche, nessuno dei candidati presidenziali potrà radunare i propri sostenitori la notte delle elezioni, come da tradizione.

BIOGRAFIA DEL CANDIDATI

Dibattito tra i due candidati alla presidenza islandese (del 12 giugno)


Guðni Thorlacius Jóhannesson
Guðni Thorlacius Jóhannesson (26 giugno 1968) è storico, docente presso l’Università d’Islanda fino alla sua elezione. Il suo campo di ricerca è la storia moderna islandese, e ha pubblicato una serie di lavori sulle guerre del merluzzo, la crisi finanziaria islandese del 2008-11 e la presidenza islandese. Guðni ha giocato a pallamano durante la sua giovinezza (sia in Islanda che nel Regno Unito). Si è laureato presso Menntaskólinn í Reykjavík nel 1987 e ha conseguito una laurea in storia e scienze politiche presso l’Università di Warwick in Inghilterra nel 1991 e un master in Storia dell’Arte presso l’Università d’Islanda nel 1997.

Uutisvideot: Islanti, presidentti Guðni Thorlacius Jóhannesson ...
Guðni ha deciso di candidarsi alla presidenza il 5 maggio 2016. I primi sondaggi hanno mostrato un sostegno significativo, e dopo la decisione del presidente in carica Ólafur Ragnar Grímsson di ritirarsi dalla corsa lo storico islandese ha visto un aumento della sua popolarità in vari sondaggi, che lo hanno classificato primo con il 67%, molto più avanti di altri concorrenti. Guðni è stato eletto il 25 giugno dopo aver ricevuto il 39,1% dei voti. Il presidente dell’Islanda non era affiliato con nessun partito politico. Descrivendosi, dichiarò che sarebbe stato un “presidente meno politico” rispetto al suo predecessore Olafur Ragnar Grimsson. Guðni ha sottolineato più volte l’importanza dell’unità per la piccola nazione nordica.
All’incirca un mese dopo l’inizio del suo mandato, il neopresidente aveva un indice di approvazione del 68,6% in un sondaggio del MMR.

Guðmundur Franklín Jónsson
Guðmundur Franklín Jónsson (nato il 31 ottobre 1963) è un uomo d’affari e politico islandese. Ha studiato economia e commercio e ha lavorato come mediatore finaziario negli Stati Uniti, ma ora è direttore d’albergo in Danimarca. Guðmundur ha fondato il partito politico Right Green (di orientamento nazionalista), che si presentò alle elezioni parlamentari nel 2013 e guadagnando l’1,7%. Già in precedenza, aveva intenzione di correre nel 2016, ma non ha ricevuto le raccomandazioni richieste per la presentazione della candidatura.

Guðmundur Franklín á kjörstað í Menntaskólanum við Sund.

Nato e cresciuto in Sardegna, è studente di Scienze internazionali e diplomatiche presso l'Università di Genova. Ha collaborato con diverse testate giornaliste italiane e esteri (in particolare con testate d'informazione del Belgio), tra cui Corsica Oggi e Geopolitica.info. È un grande appassionato di politica internazionale e delle relazioni euromediterranee.

Se acquisti su Amazon (frequentemente o sporadicamente), puoi aiutare Election Day accedendo al popolare sito di e-commerce cliccando sul banner riportato di seguito

. Tu pagherai lo stesso importo per l’oggetto che intendi acquistare, Election Day potrà contare su una piccola (ma importante) percentuale sulla somma spesa a titolo di commissione.