Quanto costano le campagne elettorali negli Stati Uniti

campagne elettorali degli Stati Uniti

Quanto costano le campagne elettorali negli Stati Uniti? Per diversi mesi abbiamo sentito la frase “sono le più importanti elezioni della storia degli Stati Uniti” ripetersi continuamente e, per quanto riguarda la spesa da parte dei due candidati, questa affermazione sembra trovare conferme. Nonostante la crisi dovuta alla pandemia, le campagne degli Stati Uniti nel 2020 sono le più dispendiose di sempre.

Trump ha iniziato a raccogliere fondi per la sua campagna di rielezione fin dai primi giorni della sua presidenza, arrivando ad ottenere un ammontare di donazioni definito “impressionante” secondo diversi esperti. Tuttavia, Biden ha guidato l’entusiasmo democratico e ha permesso non solo di raggiungere la cifra ottenuta dall’ormai ex presidente repubblicano, ma addirittura di superarla. Oltre ai candidati, anche gruppi esterni sostenuti da donatori miliardari e gruppi denominati “dark money groups” (definizione che raccoglie le organizzazioni noprofit che raccolgono fondi per campagne elettorali americane, ma che non sono obbligate a divulgare i nomi dei propri donatori) hanno speso somme di denaro senza precedenti per influenzare le elezioni del 2020.

Quanto costano le campagne elettorali negli Stati Uniti?

In questo articolo vengono analizzate le attività finanziarie legate alle precedenti 4 elezioni presidenziali, dal 2008 fino al 2020, divise in 4 aree: i fondi raccolti dai singoli candidati alla presidenza e dal loro comitato (per candidati alla presidenza si intende anche la spesa sostenuta durante le primarie). I fondi raccolti e investiti dal partito Repubblicano e da quello Democratico. Le raccolte fondi compiute da comitati esterni sia ai candidati che ai partiti, che agiscono in maniera indipendente con lo scopo di sostenere o di attaccare i candidati alla presidenza. La campagna di raccolta fondi che coinvolge i singoli candidati al Congresso Queste 4 voci riassumono l’ammontare totale dei costi delle campagne elettorali presidenziali.

Quanto sono costate le campagne elettorali di Obama e McCain?

 

campagne elettorali degli Stati Uniti

Le entrate dei candidati alla presidenza del 2008 hanno raggiunto un totale di oltre 1,8 miliardi di dollari, l’80% in più rispetto al 2004. Il candidato presidenziale democratico, l’allora Sen. Barack Obama, ha raccolto un totale di 744 milioni di dollari in fondi privati ​​per la sua candidatura alle primarie democratiche e per la campagna elettorale presidenziale. È stata la prima volta nella storia del finanziamento pubblico presidenziale che un candidato di un importante partito ha rifiutato di accettare fondi pubblici per le elezioni generali. I due partiti hanno ricevuto 16,8 milioni di dollari ciascuno dal tesoro, mentre i rispettivi comitati elettorali hanno raccolto un totale di 124,3 milioni di dollari a sostegno delle loro attività.

Nel 2008, le aree specifiche di questo settore erano diverse da quelle del 2020. Per comunicazione elettorale si intendeva principalmente una comunicazione via radio, via cavo o satellitare. Tuttavia, per la prima volta nella storia si aggiunge una nuova voce all’interno di questa categoria: le web ads

Individui, partiti e altri gruppi hanno speso 168,8 milioni di dollari per sostenere in modo indipendente l’elezione o la sconfitta dei candidati alla presidenza durante la campagna del 2008. Nelle tre elezioni precedenti, questo tipo di spesa ammontava rispettivamente a 192,4 milioni di dollari, 14,7 milioni di dollari e 1,4 milioni di dollari. Non c’è limite all’importo che può essere speso per queste attività dato che la spesa è indipendente dai candidati. Nel 2008, i comitati hanno dichiarato di aver speso 27,8 milioni di dollari in comunicazioni elettorali che facevano riferimento a un candidato politico – una diminuzione di 13 milioni di dollari rispetto alle elezioni del 2004.

Quanto sono costate le campagne elettorali di Obama e Romney

campagne elettorali degli Stati Uniti

 

Quanto costano le campagne elettorali di Obama e Romney? Il Center for Responsive Politics calcola che le elezioni sono costate 6,3 miliardi di dollari. Il costo delle sole elezioni presidenziali è di circa 2,6 miliardi di dollari. La spesa per le elezioni al Congresso da parte dei candidati e di altri comitati e gruppi ha superato i 3,6 miliardi di dollari nel 2012. A livello presidenziale, la campagna per la rielezione del presidente Barack Obama ha superato, in termini di fondi ottenuti, le campagne di tutti i suoi rivali repubblicani messi insieme. La campagna di Obama ha speso circa 737,9 milioni di dollari, rispetto al totale repubblicano di 624,8 milioni di dollari.

Principali donatori dei due candidati

La spesa compiuta da altri comitati nella corsa presidenziale, tuttavia, ha fortemente favorito i repubblicani e ha contribuito a colmare il deficit. Il Comitato nazionale repubblicano ha stanziato 333,9 milioni di dollari per il concorso presidenziale, molto più dei 197,8 milioni di dollari del Comitato nazionale democratico. Anche la spesa esterna dei superPAC e delle organizzazioni noprofit politicamente attive per la corsa presidenziale è risultata fortemente a favore dei repubblicani. I gruppi conservatori esterni hanno speso 454,5 milioni per ottenere un Presidente eletto repubblicano, mentre i gruppi democratici esterni hanno speso 124,5 milioni.

La spesa di tutti i candidati alla Camera e al Senato ha superato  la cifra di 1,7 miliardi, con i soli candidati alla Camera responsabili di quasi $ 1 miliardo del totale. I candidati repubblicani alla Camera hanno speso di più con circa $ 532 milioni, mentre i democratici si sono fermati a $ 447 milioni. Al Senato, per i candidati democratici sono stati spesi 331,4 milioni di dollari, a fronte dei 408,5 milioni di dollari dai candidati del Senato del GOP.

Le campagne elettorali di Trump e Clinton

campagne elettorali degli Stati Uniti

Quanto costano le campagne elettorali di Clinton e Trump? Il prezzo finale per le elezioni sia congressuali che presidenziali del 2016 è di  6,5 miliardi di dollari, secondo OpenSecrets.org. La corsa presidenziale – incluse le primarie – rappresenta 2,4 miliardi di dollari di quel totale. Quest’ultimo dato è stato inferiore sia a quello del 2008 (circa $ 2,8 miliardi) che del 2012 (oltre $ 2,6 miliardi), anche se misurati in dollari effettivi (non aggiustati per l’inflazione).

Gli altri 4 miliardi di dollari circa sono andati alle gare congressuali. Il conteggio include la spesa di campagne, comitati di partito e fonti esterne. Adeguato all’inflazione, tuttavia, si tratta di un calo di circa l’1,4% rispetto alle elezioni del 2012. Le campagne del presidente Barack Obama e dello sfidante Mitt Romney sono costate più di 2,1 miliardi di dollari insieme, mentre le campagne di Trump e Clinton non hanno superato gli 1,9 miliardi di dollari. La campagna infruttuosa di Clinton (768 milioni di dollari di spesa da parte solo del suo comitato) ha superato quella di Trump (398 milioni di dollari) di quasi 2 a 1. 

Anche il Comitato Nazionale Democratico e gruppi esterni di sinistra hanno speso un ammontare considerevolmente superiore rispetto alle loro controparti repubblicane. Ma Trump ha beneficiato notevolmente dei “media guadagnati”, cioè il tempo in TV che ha ottenuto in virtù dell’essere un candidato non convenzionale. Trump ha ricevuto circa 5 miliardi di dollari in media gratuiti, secondo una stima della società di analisi dei media MediaQuant, rispetto ai soli 3,24 miliardi di dollari di Clinton.

Questo è stato il primo ciclo presidenziale del 21 ° secolo in cui la spesa per la campagna elettorale tradizionale è diminuita”, aveva detto Sheila Krumholz, direttrice esecutiva del Center for Responsive Politics. “Tuttavia, il valore dei media guadagnati non può essere ignorato. I media hanno fornito una copertura ininterrotta della campagna di Donald Trump, riducendo l’effetto negativo della spesa relativamente bassa della sua campagna e dei gruppi conservatori esterni“. 

Un quadro d’élite

Tuttavia, c’è stata un’altra notevole differenza rispetto al finanziamento delle precedenti elezioni: un minor numero di donatori ha fornito una quota maggiore del denaro. Basta guardare il gruppo chiamato lo “0,01%”. Lo 0,01% è costituito dai principali donatori, dove il numero di membri è pari all’1% dell’1% dei più ricchi donatori degli Stati Uniti all’interno della campagna elettorale. Nel 2012, quel gruppo contava meno di 24.000 donatori e ha dato circa 1,6 miliardi di dollari in contributi. Il totale delle donazioni dello 0,01% del 2016 è arrivato ad oltre 2,3 miliardi di dollari, un aumento di circa il 45% a fronte di una crescita del numero dei membri di questo gruppo del 3%.

La maggior parte di tale aumento è avvenuto sotto forma di contributi a gruppi di spesa esterni, che sono più che raddoppiati. Dato che non ci sono limiti alla dimensione di queste donazioni, quest’ultimi sono un mezzo affidabile per ottenere enormi somme di denaro durante le elezioni.

D’altro canto, la quota dei contributi totali  considerati “piccoli“, o fatti da individui che donano $ 200 o meno in una campagna è diminuita di circa il 3,4 per cento dal 2012 al 2016, nonostante l’enorme bottino ottenuto da piccole donazioni raccolte dalla campagna presidenziale del Bernie Sanders. Più del 59% dei fondi raccolti dal Senatore del Vermont proveniva da persone che hanno donato 200 dollari o meno. La sua critica su un maggiore potere economico incanalato verso un minor numero di persone, mentre la disuguaglianza di reddito peggiora, ha fatto breccia in una parte dell’elettorato.

Quanto costano le campagne elettorali di Trump e Biden

campagne elettorali degli Stati Uniti

 

Quanto costano le campagne elettorali di Biden e Trump? Le elezioni del 2020 hanno superato i record precedenti fino a diventare la campagna più costosa nella storia americana. La competizione politica in cui c’è stata maggiore spesa quest’anno è stata la corsa presidenziale, anche grazie alle enormi somme che sono state versate per sostenere Joseph R. Biden Jr. L’ammontare totale delle donazioni dirette unicamente ai candidati è vicino ai 4 miliardi di dollari, divisi tra donazioni dirette ai comitati presidenziali e ai comitati satellite dei candidati presidenti.

Tuttavia, il totale dei fondi raccolti è di gran lunga superiore. Contando i fondi ottenuti dai rispettivi partiti, le Super PACs (le quali, come gruppi indipendenti, non hanno limiti di somme che possono raggiungere e non vengono controllate direttamente dai due comitati elettorali), i Dark money groups e tutte le campagne di raccolta fondi per le candidature per il Congresso (che hanno raggiunto i 7 miliardi di dollari), il conteggio finale per la battaglia per la Casa Bianca e il controllo del Congresso ha raggiunto la cifra di  14 miliardi di dollari. Questa cifra è il doppio del record precedente, stabilito solo quattro anni fa.

Come si evince dal grafico, la somma di tutte le aree dedicate alla raccolta e all’investimento per quanto riguarda unicamente la campagna presidenziale è di 6.6 miliardi di dollari, che da sola è più di quanto sia mai stato speso per la corsa alla Casa Bianca e per ogni campagna del Congresso fino al 2016.

Questa crescita esponenziale è stata alimentata anche grazie ai piccoli donatori (cioè coloro che hanno donato meno di $ 200 ad un candidato), che hanno giocato un ruolo centrale nelle campagne di finanziamento. Allo stesso tempo, anche miliardari e multimilionari hanno donato enormi somme ai super PAC.

I piccoli donatori rappresentano il 22% del denaro totale raccolto durante la campagna elettorale 2020. È una crescita anche rispetto al 2016, anno in cui questi donatori hanno contribuito con il 15% dei fondi raccolti.

In termini percentuali, rispetto alla raccolta fondi totale dei due comitati presidenziali, le piccole donazioni hanno contribuito in percentuale maggiore nei confronti del comitato del Presidente uscente Trump, con il 48.85%, rispetto al suo sfidante Biden, le cui piccole donazioni hanno contribuito per il 38% dell’ammontare totale.

Da un punto di vista di spese finanziarie, i Democratici hanno dominato la sfida contro i loro avversari Repubblicani. I candidati dem e i loro comitati hanno speso 5,5 miliardi di dollari in questa campagna elettorale, rispetto ai 3,8 miliardi di dollari spesi dei repubblicani, il più grande scarto di sempre. Questo bilancio è a favore dei Democratici anche senza contare gli oltre 1,3 miliardi di dollari spesi dai due miliardari autofinanziati, Michael R. Bloomberg e Tom Steyer, per le loro candidature alle primarie democratiche.

Gran parte dei fondi è stata investita in pubblicità televisive: la cifra ammonta a 1,8 miliardi di dollari divisi in 13 stati, secondo la società di monitoraggio degli annunci Advertising Analytics. Biden e il suo comitato hanno speso più di 600 milioni di dollari, Trump e i gruppi che lo sostengono hanno speso poco più di 400 milioni di dollari. I fondi in questione sono concentrati in soli sei stati. Quasi 9 dollari su 10 spesi in spot TV nella corsa presidenziale sono stati investiti in Florida, Pennsylvania, Michigan, North Carolina, Wisconsin e Arizona.

Per quanto riguarda i social network, in particolare le pubblicità su Facebook e Instagram, la situazione si ribalta. In questo caso è Donald Trump ad investire maggiormente rispetto al suo sfidante. L’ex presidente ha speso 97 milioni di dollari contro gli 82 milioni spesi da Joe Biden.

 La profondità dei social network è stata analizzata molto in questi anni, anche gli scopi che si possono raggiungere all’interno di queste piattaforme sono molteplici e diversificati. Nel grafico sottostante si può notare la suddivisione, in base agli obbiettivi, dei post pubblicizzati da parte dei due candidati. Donald Trump ha investito maggiormente nel convincere le persone a donare (da qui la grossa percentuale di piccoli donatori) e in post di autopromozione. Le pubblicità di Biden, invece, si sono concentrate nella “creazione di maggiore connessione” (cioè convincere a mettere mi piace alla pagina, cliccare sui link e sul proprio sito) tra gli utenti e la sua Pagina Facebook/instagram

In merito alle pubblicizzazioni specifiche nei vari Stati, entrambi i candidati si sono concentrati negli swing states, in particolare Biden ha investito percentuali maggiori in Pennsylvania (quasi un milione di dollari) e Nevada. Trump in Florida e Arizona. Per quanto riguarda i due staff, è Biden ad aver speso di più. Il costo totale degli stipendi del team Biden ammonta a 50 milioni di dollari, più del doppio del suo sfidante, che si ferma a 20 milioni. Sul merchandise non c’è storia, è Trump ad aver investito maggiormente in questo settore, con più di 8 milioni di dollari.

 

Donazioni da parte delle industrie

I donatori della maggior parte dei principali settori di produzione americani preferiscono i democratici ai repubblicani.

Nella maggior parte delle industrie sono i democratici a prevalere. Ad esempio, il settore degli avvocati ha battuto il proprio record di donazioni per sostenere i Dem. Diverse industrie sono passate dalla parte dei Democratici durante la presidenza di Trump, compreso il settore finanziario. Sebbene la campagna di Biden sia in parte alimentata da piccoli donatori, essa è stata anche promossa da donatori di Wall Street. L’industria dei titoli e degli investimenti ha dato 74 milioni di dollari alla campagna di Biden e ai superPAC alleati, rispetto ai 18 milioni di dollari spesi per rieleggere Trump. Il settore immobiliare è una delle poche grandi industrie a rimanere dalla parte dei repubblicani durante l’era Trump.

 

Quanto costano le campagne elettorali per il Congresso?

Nonostante le cifre da capogiro raccolte per la sfida Biden vs Trump, non è solo la corsa presidenziale ad aver mandato i costi a nuovi livelli. Otto delle dieci competizioni elettorali al Senato più costose di sempre si sono svolte nel 2020, inclusa la Carolina del Nord, dove il totale speso dai due candidati, il senatore repubblicano Thom Tillis e lo sfidante democratico, Cal Cunningham, ha superato i 272 milioni di dollari. Questa è una delle quattro gare al Senato che quest’anno hanno superato la soglia dei 200 milioni di dollari – le altre sono in Iowa, South Carolina e Arizona – qualcosa che non era mai accaduto prima. Nella Carolina del Sud, il candidato democratico Jaime Harrison è il primo candidato al Senato a raccogliere 100 milioni di dollari tramite finanziamenti al di fuori di quelli sostenuti dal singolo candidato. Ecco quanto costano le campagne elettorali per il Congresso negli Stati Uniti.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Studente di Economics and Political Science. Laureato in Commercio Internazionale. Affetto da bulimia letteraria e da una grande passione per ogni genere di sport. Generalmente non sto mai fermo.

Se acquisti su Amazon (frequentemente o sporadicamente), puoi aiutare Election Day accedendo al popolare sito di e-commerce cliccando sul banner riportato di seguito

. Tu pagherai lo stesso importo per l’oggetto che intendi acquistare, Election Day potrà contare su una piccola (ma importante) percentuale sulla somma spesa a titolo di commissione.