Suriname: al voto, un referendum sul Presidente

Presidente Bouterse

È Desiré Delano Bouterse, chiamato più semplicemente Dési Bouterse, l’attuale Presidente del Suriname che nella giornata odierna dovrà affrontare le urne. Il capo di governo fu già dittatore del Suriname dal 1980 al 1988, ed è tornato al potere dopo le elezioni del 2010. Su di lui pendono due condanne, la prima del 1999 emessa nei Paesi Bassi per traffico di cocaina, la seconda, più recente, è di dicembre dello 2019 quando una corte surinamese l’ha condannato a 20 anni di reclusione perché colpevole di aver ordinato l’omicidio di 15 oppositori politici nel 1982.

Affacciato sulla costa atlantica la Repubblica del Suriname è lo stato più piccolo del Sud America, la lingua ufficiale è l’olandese, e la popolazione conta poco più di mezzo milione di abitanti di etnie anche molto diverse. Economicamente dipende dall’export di oro e bauxite, e sono da poco stati scoperti alcuni giacimenti di petrolio. Pur non essendo particolarmente colpito dalla pandemia, il virus, i danni economici derivanti dal crollo dell’export, il calo del prezzo del petrolio e uno scandalo nella politica economica della banca centrale del paese sono lo scenario delle prossime elezioni.

L’attuale Presidente, 74enne, è un esponente del National Democratic Party (NDP) e si dovrà confrontare con altri diciassette partiti, spesso rappresentanti delle differenti etnie. La frammentazione partitica è una tendenza costante: nel 2015 infatti, i partiti che si presentarono furono 21, ma solo 8 di questi riuscirono ad entrare in Parlamento.

Dei 51 seggi totali disponibili il partito del Presidente Bouterse ne occupò allora ben 26, ma, in questi ultimi 5 anni altri leader come Chan Santokhi del Progressive Reform Party (VHP) o Ronny Brunswijk candidato del General Liberation and Development Party (ABOP) hanno incrementato i consensi.

La politica surinamese è caratterizzata da instabilità, presenza di piccoli partiti e numerose coalizioni, tutto ciò rende difficile fare previsioni sui risultati elettorali, probabilmente l’uomo da battere sarà anche quest’anno Bouterse, ma è altrettanto probabile che il suo ruolo ne uscirà ridimensionato. A fronte di un sostegno ancora forte non è certo che l’NDP riuscirà ad ottenere la maggioranza assoluta come l’ultima volta, ed i principali oppositori si sono già detti tutti contrari ad un alleanza di governo guidato dall’attuale Presidente.

La campagna elettorale è stata influenzata dalle misure restrittive dettate dal coronavirus che vietano gli assembramenti di più di 10 persone, alcuni esponenti delle opposizioni però, tra cui Brunswjk e Alfaisi (DOE), hanno denunciato il partito di Bouterse di mascherare raduni di oltre 100 sostenitori motivandoli come semplici attività governative. Il grosso della propaganda si è quindi sviluppata sui diversi media, soprattutto su quelli digitali dove i differenti partiti hanno potuto portare avanti la propria campagna contro la corruzione e gli scandali economici del governo. Più volte inoltre, le opposizioni hanno criticato l’NDP, che spesso, essendo in una posizione privilegiata è riuscito ad ottenere vantaggi in termini di visibilità. Dal canto suo il governo ha recentemente inaugurato un tratto autostradale che è intitolata al Presidente: la Desiré Bouterse Highway, sulla quale il 18 maggio c’è stata una parata con due migliaia di auto a sostegno di Bouterse.

Ciò che sarà del Suriname lo sapremo dopo le urne di oggi e lo decideranno i 385.301 aventi diritto.

Intanto l’Organizzazione degli Stati Americani (OSA) è stata invitata in Suriname per vigilare e garantire il regolare svolgimento di queste particolari elezioni che, in caso di vittoria del NDP, eviterebbero il carcere a Dési Bouterse.

Nato a Brescia, laureato in Comunicazione Politica a Torino. L'interesse per politica ed informazione ha guidato il mio percorso di studi. Grande appassionato di cinema e basket.

Se acquisti su Amazon (frequentemente o sporadicamente), puoi aiutare Election Day accedendo al popolare sito di e-commerce cliccando sul banner riportato di seguito

. Tu pagherai lo stesso importo per l’oggetto che intendi acquistare, Election Day potrà contare su una piccola (ma importante) percentuale sulla somma spesa a titolo di commissione.