USA2020, le previsioni per la Camera: i dem consolidano la maggioranza?

camera

Il 3 novembre negli Stati Uniti si voterà – oltre che per il Presidente – anche per rinnovare i 435 seggi della Camera dei Rappresentanti, i cui titolari durano in carica 2 anni. Nel 2018, in occasione delle elezioni di metà mandato (midterm) della presidenza Trump, i democratici hanno riconquistato la maggioranza dei seggi, e quest’anno le previsioni fanno pensare ad un 117esimo Congresso nuovamente a maggioranza blu.

Cosa dicono i sondaggi

Dopo aver riconquistato la maggioranza nel 2018, i democratici hanno speso molte risorse per consolidare questo vantaggio politico, e i sondaggi premiano questa strategia: il sito RealClearPolitcs attribuisce ai dem 214 seggi sicuri, ai quali si potrebbero aggiungere 21 seggi che il sito presenta a trazione democratica, e ne restano comunque 14 ai quali il sito attribuisce un leggero vantaggio blu. Vincendo in solamente 4 di questi i democratici otterrebbero la maggioranza alla camera, e non è una situazione così scontata: ci sono infatti altri 31 seggi nei quali RealClearPolitics individua un pareggio (toss-up) e tra di questi ce ne sono 19 che presentano un lievissimo vantaggio dei dem. Il blog di Nate Silver, FiveThirtyEight, attribuisce ai dem l’80% di possibilità di ottenere una maggioranza alla Camera compresa fra i 222 seggi e i 253: nello specifico, i repubblicani hanno 5 possibilità su 100 di vincere il controllo della Camera, mentre i dem 95 su 100.

I seggi in bilico

Per comodità, raggrupperemo i seggi in bilico della Camera per stato, seguendo le medie di RealClearPolitics che individua in questi un lievissimo vantaggio per uno o per l’altro partito (si tratta infatti di medie che tengono conto di sondaggi locali non affidabili come quelli nazionali, di eventuali incumbent e di altre variabili ambientali). I seggi che attualmente sono contendibili sono circa 31, di questi i democratici sono visti lievemente avvantaggiati in circa 19, mentre i repubblicani in 12:

California:

  • CA-21: l’incumbent TJ Cox (D) che aveva vinto nel 2018 con un margine di 0.8 punti percentuali sfida il repubblicano David Valadao;
  • CA-39: l’incumbent Gil Cisneros (D) vittorioso nel 2018 con un margine di 3.2 sfida il repubblicano Young Kim;
  • CA-25: Christy Smith (D) sfida l’incumbent Mike Garcìa, eletto dopo lo scandalo che ha conivolto la deputata Hill dopo le midterm del 2018, e i sondaggi concordano su un pareggio, come già era successo nel 2019;

Georgia:

  • GA-6: l’incumbent Lucy McBath (D), vittoriosa nel 2018 con un margine di 3.2 sfida la repubblicana Karen Handel;
  • GA-7: Carolyn Bordeaux (D) sfida il repubblicano Rich McCornick in una corsa che vede i due sfidanti in pareggio;

Iowa:

  • IA-1: l’incumbent Abby Finkenauer (D) sfida la repubblicana Ashley Hinson, e la media dei sondaggi è di +11 a favore dei democratici;
  • IA-2: l’incmbent M. Miller-Meeks (R) sfida la democratica Rita Hart, e la media dei sondaggi favorisce i repubblicani di +4;
  • IA-3: l’incumbent Cindy Axne (D) sfida il repubblicano David Young con sondaggi favorevoli ai dem per +8;

Illinois:

  • IL-14: l’incumbent Lauren Underwood sfida il repubblicano Jim Oberweiss, dopo aver vinto nel 2018 con un margine di +5;
  • IL-13: la democratica Betsy Londrigan sfida il repubblicano Rodney Davis, e la situazione è di sostanziale pareggio fra i due;

Maine:

  • ME-2: l’incumbent Jared Golden sfida il democratico Dale Crafts, e i sondaggi danno i democratici avanti di +14;

Michigan:

  • MI-3: la democratica Hillary Scholften sfida il repubblicano Peter Meijer in una corsa che li vede in sostanziale pareggio;

Minnesota:

  • MN-7: l’incumbent Collin Petereson sfida la repubblicana Michelle Fishback, dopo aver vinto il seggio nel 2018 per 4.2 punti percentuali;

Nebraska:

NE-2: la democratica Kara Eastman sfida il repubblicano Don Bacon, e qui i repubblicani sono favoriti con un margine di +2;

New Jersey:

  • NJ-3: l’incumbent Andrew Kim sfida il repubblicano David Richter dopo aver vinto il seggio nel 2018 per +1.3 punti percentuali;
  • NJ-2: Ultima concorrente della dinastia Kennedy rimasta in corsa, la democratica Amy Kennedy sfida l’ex democratico (ora repubblicano) Jeff Van Drew, in una corsa che vede i democratici avanti di +6;

New Mexico:

  • NM-2: l’incumbent Xochtil Torres Small sfida la repubblicana Yvette Herrel dopo aver vinto nel 2018 con +1.8 punti percentuali

New York:

  • NY-11: l’incumbent Max Rose sfida la repubblicana Nicole Malliotakis dopo aver vinto nel 2018 con +6.4;
  • NY-22: l’incumbent Anthony Brindisi sfida la repubblicana Claudia Tenney dopo aver vinto nel 2018 con +1,8;

Oklahoma:

  • OK-5: Stephanie Bice (R) sfida la democratica Kendra Horn, incumbent che aveva vinto nel 2018. I sondaggi danno Bice avanti di +2.5;

Pennsylvania:

  • PA-8: l’incumbent Matt Cartwright sfida il repubblicano Jim Bognet, e i sondaggi prevedono un pareggio;
  • PA-1: la democratica Christina Finello sfida il repubblicano Brian Fitzpatrick in una corsa che fino a qui è in sostanziale pareggio;
  • PA-10: il democratico Eugene DePasquale sfida il repubblicano Scott Perry, anche qui la corsa è al momento in pareggio;

South Carolina:

  • SC-1: l’incumbent Joe Cunningham sfida la repubbliana Nancy Mace, i sondaggi indicano anche qui un pareggio;

Texas:

  • TX-22: Sri Preston Kulkani (D) sfida Troy Nehls (R) in una corsa che al momento è in pareggio;
  • TX-24: la democratica Candance Valenzuela sfida Beth Van Duyne e anche in questo distretto la sifda presenta un pareggio;

Utah:

  • UT-4: l’incumbent Ben McAdams sfida il repubblicano Burgess Owens e i sondaggi danno i dem avanti di +4;

Virginia:

  • VA-2: l’incumbent Elaine Luria sfida il repubblicano Scott Taylor e i sondaggi prevedono un pareggio;
  • VA-7: l’incmbent Abigail Spanberger sfida il repubblicano Nick Freitas, e i sondaggi danno i dem avanti di 2.0;

 

Classe 95, vive a Lodi dove studia e lavora. Facts don't care about your feelings.

Se acquisti su Amazon (frequentemente o sporadicamente), puoi aiutare Election Day accedendo al popolare sito di e-commerce cliccando sul banner riportato di seguito

. Tu pagherai lo stesso importo per l’oggetto che intendi acquistare, Election Day potrà contare su una piccola (ma importante) percentuale sulla somma spesa a titolo di commissione.